Paolo Matthiae
La Missione e i suoi membri
Ebla Live
Paolo Matthiae
 

Paolo Matthiae, nato a Roma nel 1940, è professore di Archeologia e Storia dell’Arte del Vicino Oriente antico alla Sapienza, Università di Roma ed è direttore, dalla sua costituzione nel 1963, della Missione Archeologica Italiana  in Siria della stessa Università, in cui è stato Preside della Facoltà di Scienze Umanistiche e Pro-Rettore per le Iniziative Culturali e oggi è Direttore della Scuola di Dottorato in Archeologia. È sposato con Gabriella Scandone dal 1964.
Dal 1964 dirige gli scavi a Tell Mardikh-Ebla con ininterrotte campagne annuali che hanno riportato alla luce il grande centro protosiriano e paleosiriano. Sempre in Siria ha diretto scavi a Tell Afis e a Tell Tuqan nella regione di Ebla e, insieme a Adnan Bounni, a Tell Fray nella valle dell’Eufrate.
É autore di numerose pubblicazioni scientifiche su Ebla e sull’archeologia della Siria, della Mesopotamia, dell’Anatolia e della Palestina pre-ellenistiche. Tra di esse, oltre più di duecento articoli su riviste di tutto il mondo, diverse monografie su Ebla e una monumentale Storia dell’Arte dell’Oriente antico in tre volumi, che sta completando con il quarto volume. Su Ebla in particolare si ricordano Ebla. Un impero ritrovato. Dai primi scavi alle ultime scoperte, 3 ed., Torino, Einaudi 1977, 1989, 1995; I tesori di Ebla, 2 ed., Roma-Bari, Laterza 1984, 1985; Gli Archivi Reali di Ebla. La scoperta, i testi, il significato, Milano, Mondadori-Sapienza 2008; Ebla. La città del trono. Archeologia e storia, Torino, Einaudi 2010.
Nel 1998 ha fondato, con un gruppo di Colleghi delle maggiori Università internazionali, il Congresso Internazionale di Archeologia del Vicino Oriente (ICAANE), che si è tenuto a Roma nel 1998 e successivamente, con cadenza biennale, a Copenhagen, a Parigi, a Berlino, a Madrid, a Roma e a Londra. É il Presidente del Comitato Scientifico dello stesso ICAANE.
I suoi allievi, ormai di più di due generazioni, insegnano, oltre che alla Sapienza stessa, nelle Università di Firenze, di Roma Tre, di Lecce, di Bologna, di Milano IULM, di Palermo, di Parma, e sono attivi, con il suo coordinamento, in Missioni Archeologiche operanti, oltre che in Siria, in Palestina, Giordania, Turchia, Iran.
É membro dell’Accademia Nazionale dei Lincei (Roma), dell’Académie des Inscriptions et Belles-Lettres (Paris), dell’Österreichische Akademie der Wissenschaften (Vienna), della Swedish Royal Academy (Stoccolma), del Deutsches Archäologisches Institut (Berlino). Ha ricevuto la laurea ad honorem dell’Universidad Autonoma de Madrid e dell’Università di Copenhagen.

É stato insignito del Merito Siriano e è stato nominato dal Presidente della Repubblica Italiana (1995) Cavaliere di Gran Croce, la più alta onorificenza italiana.
 
 
 

| Copyright © Ebla - 2010 |
| Privacy | Copyright |