Ebla
Sito ufficiale della Missione Archeologica italiana in Siria

Immagine
Tavoletta del trattato di Abarsal
Il nome di Ebla è entrato nella storia dell’archeologia orientale quando, nel 1975, undici anni dopo l’inizio degli scavi nel sito allora noto solo con il nome moderno di Tell Mardikh, Paolo Matthiae e il suo Team portarono alla luce gli Archivi di Stato del 2300 a.C., con migliaia di tavolette cuneiformi, intere e frammentarie, la cui scoperta ha stupito il mondo scientifico internazionale e ha fortemente colpito l’opinione pubblica mondiale.

Lo studio della documentazione archeologica ed epigrafica ha rivelato la realtà di un grande centro urbano che, nella prima fase di sviluppo, tra il 2500 e il 2300 a.C. era stato in contatto con grandi città del Sumer come Kish e Ur , da un lato, e con l’ Egitto dei faraoni, dall’altro. Testimonianze monumentali, reperti artistici, evidenze materiali scandiscono, lungo un millennio, l’itinerario storico di un antichissimo centro urbano, tre volte distrutto e due volte risorto, tra circa il 2500 a.C. e gli anni attorno al 1600 a.C.

Immagine
Veduta aerea del Tell
   
 
 
 
Immagine
Gli Archivi Reali (testo da aggiornare)
Immagine
Ebla Protosiriana (testo da aggiornare)
Immagine
Ebla Paleosiriana (testo da aggiornare)
Immagine
Il Parco Archeologico (testo da aggiornare)
Gli Archivi di Stato Ebla Protosiriana Ebla Paleosiriana Il Parco Archeologico
 
 
 
 
 
 
___________________________________________________________________
 
 
 
 
Immagine
Immagine
 
 
 
 
 
  Valid HTML 4.01 Transitional Valid CSS!

| Copyright © Ebla - 2010 |
| Privacy | Copyright |